giovedì 11 aprile 2019

La soluzione per il monitoraggio e la sicurezza di rete Flowmon è ora disponibile sul marketplace di Microsoft Azure

Flowmon Networks, fornitore di soluzioni avanzate di monitoraggio e sicurezza della rete, ha annunciato la disponibilità della soluzione Flowmon nel marketplace di Microsoft Azure. I clienti che non dispongono della necessaria visibilità quando trasferiscono le loro operazioni sul cloud possono ora ottenere informazioni dettagliate per risolvere i problemi di prestazioni della rete, identificare le opportunità di ottimizzazione e garantire l'infrastruttura tra i diversi ambienti per supportare i servizi business critical.

L'infrastruttura di rete costituisce oggi il sistema nervoso di ogni moderna organizzazione e deve fornire servizi aziendali con la qualità prevista in modo continuo e coerente. Per evitare il degrado delle prestazioni, rispondere a problemi di disponibilità e difendersi dalle minacce che incidono direttamente sulla soddisfazione di clienti e utenti,  le imprese devono vedere cosa sta accadendo nel traffico di rete e capire perché, salvaguardando obiettivi aziendali e reputazione.

"La soluzione Flowmon per Azure offre una visibilità di nuova generazione sul traffico di rete in ambienti IT ibridi" afferma Pavel Minarik, Chief Technology Officer di Flowmon Networks. "Le aziende che trasferiscono le loro operazioni sul cloud possono ora beneficiare di questa visibilità per ottimizzare le prestazioni dell'infrastruttura sottostante e ottenere il massimo dalla trasformazione digitale ",

La soluzione di monitoraggio e sicurezza della rete Flowmon offre funzionalità efficaci per l'identificazione del degrado, la risoluzione rapida degli incidenti, il reporting, la pianificazione della capacità e il rilevamento di anomalie indesiderate e minacce informatiche che potrebbero bypassare il perimetro e le difese signature-based. Ai clienti viene ora fornita la massima flessibilità per decidere se ospitare la propria soluzione di monitoraggio e analisi della rete in cloud oppure on-premisis, come virtuale o hardware. Se il cliente esegue servizi in modalità IaaS, Flowmon consente di assumere il controllo del traffico cloud mediante il mirroring del traffico tramite vTAP di Microsoft Azure.

"Offriamo ai nostri clienti a un vero strumento di monitoraggio delle prestazioni della rete basato su cloud. Se operano in un ambiente ibrido o multi-cloud, Flowmon funge da singolo pannello di controllo e offre visibilità del traffico in ambienti diversi attraverso un unico tool", aggiunge Minarik.


Azure Marketplace è un marketplace online per l'acquisto e la vendita di applicazioni SaaS (Software as a Service) e dataset premium. Il marketplace di Azure mette in contatto le aziende alla ricerca di soluzioni innovative basate su cloud con partner che hanno sviluppato soluzioni pronte all'uso. Flowmon per Azure è disponibile in licenza con modalità bring-your-own. Le licenze devono essere acquistate tramite i partner di canale Flowmon.

giovedì 4 aprile 2019

Allnet.Italia distribuisce le soluzioni per la connettività wireless di Cambium Networks

Access point Wi-Fi di classe enterprise, switch e software di gestione cloud based sono al centro del nuovo accordo di distribuzione.

Allnet.Italia, distributore ad alto valore aggiunto, specializzato in soluzioni innovative per l’informatica e le telecomunicazioni, ha siglato un accordo di distribuzione con Cambium Networks, produttore di riferimento a livello globale per le tecnologie di trasmissione wireless.

Il portafoglio di prodotti Cambium Networks offre soluzioni di connettività “Intelligent edge” che includono gli access point Wi-Fi cnPilot e la nuova linea di switch enterprise cnMatrix, nati per le nuove reti intelligenti cablate e wireless gestite in cloud. L’offerta sarà completata dal software di gestione per le reti wireless cnMaestro.

“Allnet.Italia è felice di estendere la propria collaborazione con Cambium Networks anche in Italia, dopo la già proficua collaborazione in Spagna con la controllata Wifidom ed in Germania con la consociata ALLNET GmbH.” commenta Emiliano Papadopoulos, CEO di Allnet.Italia. “E’ un azienda molto organizzata, con ambizioni importanti ed un go to market strutturato al 100 %, grazie al canale e al tema italiano preparato ed esperto. Cambium ha dimostrato di essere un’azienda capace di generare continua innovazione e conquistare quote mercato nel mondo Wireless Broadband, Wi-Fi e switching. Ci sono tutti i presupposti per una partnership duratura e di successo con il nostro team”.

“La specifica esperienza e le competenze di Allnet.Italia come distributore a valore aggiunto sia nel mondo delle tecnologie wireless come nel networking, lo rende un partner di elevato potenziale per il nostro portafoglio prodotti, che si presenta ora particolarmente ricco grazie alla presenza dei nuovi switch della serie cnMatrix.” – sottolinea Marco Olivieri, Regional Sales Manager di Cambium Networks – “Si tratta di prodotti che consentono di costruire e gestire reti enterprise di elevatissimo livello qualitativo a costi contenuti, accessibili perciò anche alla media e piccola impresa.”

Personal Data mette al sicuro i dati di BMB con NetApp

Personal Data mette al sicuro i dati di BMB con NetApp
Personal Data, system integrator bresciano del Gruppo Project, focalizzato su soluzioni per la virtualizzazione e la business continuity dei sistemi IT, presenta il caso applicativo riguardante il progetto di consolidamento di tutti i servizi legati al disaster recovery di BMB, per la salvaguardia delle informazioni e della continuità dei servizi, grazie alla soluzione NetApp.
BMB Spa è un'azienda che produce macchine speciali per stampaggio ad altissima tecnologia, produttive H24, caratterizzate da elevate performance tecniche e dai bassi consumi energetici che sono apprezzate in tutto il mondo per la loro eccezionale robustezza , per la massima precisione e costanza di riproduzione. Opera nei settori automotive, packaging, preforme e tappi ad alta tecnologia per acqua, bibite e per l'igiene personale. La sua struttura operativa comprende tre unità di produzione (dedicate rispettivamente a macchine fino a 400 tonnellate, da 450 a 3.500 e superiori alle 3.500 T.) e uffici tecnici e amministrativi, che si estende su una superficie di 30.000 mq.
A seguito della forte crescita dell'azienda, la principale esigenza era quella di ampliare la capacità di archiviazione dei dati e mantenere al sicuro i progetti di macchine e impianti spesso soggette a spionaggio industriale da parte dei concorrenti, senza portare i dati all'esterno. Già cliente di Personal Data da diversi anni, BMB si è affidata anche per questo progetto per l'adozione di un sistema di disaster recovery mantenuto all'interno dell'azienda con la soluzione storage NetApp, corredato da software Commvault e virtualizzazione Citrix, che potesse preservare il proprio know-how tecnologico da attacchi esterni e assicurare la continuità del proprio business.
"Abbiamo potenziato e ampliato la rete e consolidato tutto il network, compresa la videosorveglianza, con sistemi altamente tecnologici", afferma Claudio Lazzaroni, Information, Communication & Technology manager di BMB Spa. " Abbiamo scelto di investire in una infrastruttura interna dedicando due locali, un ambiente di produzione con elevata potenza elaborativa e uno dove vengono duplicati e salvati i dati, arrivando ad avere il pieno controllo delle informazioni. Inoltre", continua Lazzaroni, "nell'ufficio tecnico abbiamo dei server dedicati per la progettazione in 2D e 3D, fiore all'occhiello della nostra azienda."
Dopo una attenta analisi dell'infrastruttura IT e dei rischi a cui era maggiormente esposta BMB, la soluzione proposta da Personal Data è stata quella di realizzare un sito di disaster recovery potenziando la parte di storage NetApp già esistente e spostando uno dei due sistemi nel sito secondario in cui è possibile salvare tutti i dati e recuperarli in caso di interruzioni o attacchi. Questo investimento ha permesso a BMB di aumentare in modo significativo lo spazio utile migliorando l'efficienza e le performance dello storage, garantendo al contempo lo svolgimento di tutti i servizi legati al disaster recovery per la tutela delle informazioni e della continuità operativa.

 "In ottica di disaster recovery, la suite di NetApp è potente e innovativa e consente una elevata capacità storage e una forte protezione e controllo della rete", commenta Giuliano Tonolli, direttore commerciale e amministratore di Personal Data." I sistemi software da noi installati garantiscono a BMB un controllo costante e continuo dei propri dati e una efficace protezione da qualsiasi tipo di intrusione e interruzione di origine naturale o umana nella propria rete."

giovedì 21 marzo 2019

Personal Data partecipa a MECSPE per lanciare la nuova divisione Sicurezza IIoT

Personal Data, system integrator bresciano del Gruppo Project, focalizzato su soluzioni per la virtualizzazione e la business continuity dei sistemi IT, partecipa al MECSPE, la fiera di riferimento per l'industria manifatturiera che si terrà a Fiere Parma dal 28 al 30 marzo.



Nello spazio espositivo allocato al Pad. 3 - Area Esterna N. 26 , e in collaborazione con Citrix, Commvault, Panduit, Praim e NetApp, Personal Data incontrerà clienti e partner per presentare l'offerta servizi della nuova divisione Sicurezza IIoT volti a migliorare la protezione di dispositivi e soluzioni Industrial Internet of Thing per l'automazione in ottica Industria 4.0, servizi corredati da un supporto tecnico altamente qualificato e consulenziale.

Per approfondire le tematiche della sicurezza in ambito industriale e scoprire come proteggere in modo efficiente la produzione aziendale, Personal Data ha organizzato il

Workshop:
Quanto è sicuro il tuo impianto di produzione?

Sabato 30 marzo, ore 15-16
Sala Convegni Farnese
PAD. 4 - Ingresso Sud


Le aziende cosa rischiano a essere connesse con gli impianti industriali?
- Aumento delle vulnerabilità: moltissimi protocolli industriali sono migrati su Ethernet equiparando di fatto i dispositivi industriali ai PC
- Maggior rischio di furto di informazioni, dati e know-how fondamentali per l'impresa
- Danno economico per la produzione derivato da fermi o da manomissioni alle macchine industriali
- Rischio di danno di immagine e perdita di credibilità.

Per iscriversi al workshop e avere ingresso e parcheggio Fiera gratuiti: https://www.personaldata.it/evento/workshop-2/

giovedì 14 marzo 2019

Personal Data annuncia la Divisione Sicurezza IIoT

Personal Data, system integrator bresciano focalizzato su soluzioni per la virtualizzazione e la business continuity dei sistemi IT, annuncia la nuova  divisione Sicurezza IIoT. L'azienda che fa parte del Gruppo Project sfrutterà sinergicamente le sue competenze per offrire ai clienti una serie di nuovi servizi volti a migliorare la protezione di dispositivi e soluzioni Industrial Internet of Thing per l'automazione in ottica Industria 4.0 e a sostenerli al contempo con un supporto tecnico altamente qualificato e consulenziale. Le competenze ed esperienze maturate in ambito IT da Personal Data si sono evolute e sono maturate in ambito OT (Operational Technology).

Pensare di affrontare la questione della sicurezza dei sistemi industriali con lo stesso approccio finora impiegato nelle soluzioni business sarebbe un errore. Se in ambito IT i principi base della Cybersecurity definiscono un dato sicuro quando sono rispettati i criteri di Riservatezza, Integrità e Diponibilità, in ambiente OT l'ordine di questi tre fattori va letto al contrario: le caratteristiche irrinunciabili sono infatti 'Disponibilità' e 'Integrità', mentre la Riservatezza è quasi un parametro accessorio. Un sistema infatti deve innanzitutto essere sempre disponibile e, a seconda dell'utilizzo più o meno critico, deve prevedere anche la Continuous Availability, ovvero poter disporre di sistemi ridondanti a caldo e tempi di ripartenza ridotti al minimo.

 "Con la creazione di questa divisione, il nostro obiettivo è capitalizzare nella stessa direzione le competenze IT e OT di Personal Data e di Gruppo Project di cui siamo parte integrante, per declinarle in ambito IIoT creando soluzioni e metodologie specifiche per gli ambienti industriali, che possano garantire lo sviluppo del core business dei nostri clienti", commenta Davide Lorenzetti, responsabile Divisione Sicurezza IIoT di Personal Data. "Una logica conseguenza di questi principi è che in ambito industriale vanno utilizzate soluzioni espressamente pensate per questo scopo", continua Lorenzetti. "La produzione dipenderà sempre più da tecnologie IT. Il nostro approccio è identificare architetture e prodotti che garantiscano la Continuous Availability di tutti i sistemi."
Il team della nuova divisione è composto da professionisti che hanno competenze specifiche sulle tecnologie idonee a erogare servizi all'avanguardia per la trasformazione digitale del business dei clienti. I servizi principali erogati sono:
-        security technologies
-        managed security services & Cyber-SOC (Security Operations Center)
-        security compliance, ethical hacking & security testing
-        rete: impianto di trasporto sicuro delle informazioni di business
-         security breach che impatta su:
produzione > continuità operativa
reputazione > esistenza azienda

A conferma dell'investimento fatto in quest'area, Personal Data sarà presente al MECSPE, il più grande appuntamento dedicato alle innovazioni per l'industria manifatturiera che si terrà a Fiere Parma dal 28 al 30 marzo, Pad.3/Area Esterna n. 26, dove incontrerà clienti e partner per presentare la nuova divisione e l'offerta dei più recenti servizi.

mercoledì 6 marzo 2019

Flowmon presenta Flowmon Encrypted Traffic Analysis

Flowmon Networks,  vendor focalizzato in soluzioni avanzate per il monitoraggio e la sicurezza delle reti, ha annunciato la disponibilità di Flowmon Encrypted Traffic Analysis. Come parte dell'ultima versione di Flowmon 10, offre alle organizzazioni la valutazione in tempo reale del traffico crittografato, semplifica l'applicazione delle politiche di sicurezza, mantenendo così il livello di protezione desiderato.

Secondo NSS Labs, il 75% del traffico web verrà crittografato entro il 2019. Da un lato, la crittografia è ciò che un'organizzazione responsabile deve attuare per proteggere la comunicazione dall'essere intercettata e compromessa, salvaguardando integrità e riservatezza. D'altra parte, la complessità della gestione della crittografia rappresenta una sfida per le organizzazioni, che devono  garantire la conformità crittografica, con la conseguente incertezza sul raggiungimento del livello di protezione desiderato.

"Con l'aumentare del numero di attacchi informatici che sfruttano la crittografia, gli standard di conformità crittografici diventeranno sempre più stringenti e difficili da mantenere”, afferma Pavel Minarik, CTO di Flowmon Networks. “Nell'era del traffico crittografato, la capacità di analizzare tali comunicazioni diventa fondamentale per un'efficace applicazione delle policy di sicurezza.”

La soluzione Flowmon monitora i metadati del traffico di rete e li aggrega nei cosiddetti flussi (NetFlow/IPFIX standards) con un'estensione specifica estratta dall'handshake TLS (creazione di comunicazioni crittografate). Questo approccio, che non richiede alcuna decodifica, è l'unico modo per comprendere appieno le moderne comunicazioni crittografate, preservando la privacy in modo perfettamente scalabile.

"Flowmon  offre ai team operativi di rete il controllo sul traffico crittografato. Monitora e analizza i metadati del traffico di rete, segnala incoerenze nella conformità crittografica e aiuta perciò a mantenere il livello di protezione desiderato e ad evitare comunicazioni indesiderate”, continua Minarik. “Grazie a ciò, i team NetOps possono rispondere delle esigenze di sicurezza organizzativa, garantendo al tempo stesso la riservatezza della comunicazione.”

Con Flowmon Encrypted Traffic Analysis, i team NetOps possono, ad esempio, monitorare i certificati SSL scaduti e non conformi, ispezionare l'efficacia della crittografia e bloccare le versioni TLS indesiderate che contengono vulnerabilità o client non conformi. Inoltre, tale visibilità consente alle organizzazioni di combattere le minacce informatiche e il malware che abusano della crittografia per eludere il rilevamento, come la comunicazione C&C, gli attacchi man-in-the-middle e l'estrazione dei dati.

mercoledì 27 febbraio 2019

Cambium Networks integrerà la tecnologia Terragraph di Facebook nei sistemi wireless cnWave a 60 GHz.


La tecnologia di connettività Terragraph di Facebook verrà implementata nelle soluzioni wireless multi-mode a 60GHz di Cambium Networks che porteranno connettività Gigabit nelle aree urbane.

Cambium Networks, uno dei principali fornitori globali di soluzioni di rete wireless, ha annunciato oggi la collaborazione con Facebook per creare soluzioni di connettività ad alta velocità utilizzando Terragraph. La tecnologia di connettività Terragraph sarà incorporata nel nuovo sistema wireless multi-mode cnWave ™ da 60 GHz, che offre connettività Gigabit ad alta velocità alle aree urbane.


"Siamo entusiasti di collaborare con Cambium Networks per lo sviluppo di sistemi di connettività ad alta velocità basati sulla tecnologia Terragraph", ha dichiarato Dan Rabinovitsj, vicepresidente di Facebook Connectivity. "Attraverso Terragraph stiamo collaborando con i partner del nostro ecosistema per rispondere alla sfida della larghezza di banda nel contesto urbano, consentendo agli operatori di implementare reti wireless gigabit economiche su vasta scala".

"Cambium Networks è orgogliosa di affiancare Facebook nella sua missione di offrire nuove tecnologie per potenziare le reti wireless e migliorare la velocità di connessione in tutto il mondo", ha dichiarato Atul Bhatnagar, Presidente e CEO di Cambium Networks. "Riteniamo che le soluzioni multi-mode da 60 GHz, grazie alla resilienza integrata in Terragraph, consentiranno una connettività dell'ultimo miglio veloce ed economica, aumentando le capacità della rete di accesso e offrendo agli utenti finali un'esperienza applicativa molto più ricca".

"Cambium Networks ha investito in importanti attività di ricerca e sviluppo per offrire una tecnologia radio multi-utente 14x14 multi-input, multiple-output (MU-MIMO), che la rende ben posizionata per portare innovazione sullo spettro wireless a 60 GHz", ha affermato Rohit Mehra, Vice President, Infrastruttura di rete di IDC. "La combinazione tra l'esperienza di Cambium Networks nell'innovazione wireless e la capacità di delivery della tecnologia Terragraph di Facebook mette a disposizione dei clienti reti mesh di elevata efficienza e resilienza, create sulle solide fondamenta di implementazioni wireless".

cnWave
cnWave è il prossimo membro della famiglia di soluzioni "wireless fabric" di Cambium Networks. I nodi cnWave a 60 GHz (banda V) dal form factor compatto, sono facilmente montati sull'arredo urbano e sono in grado di operare in modalità Point-to-point (PTP) e Point-to-Multipoint (PMP) o in modalità mesh ad elevata efficienza, per l'accesso all'ultimo miglio nelle case degli abbonati, alle imprese, alle reti CCTV, alle reti pubbliche Wi-Fi o potenzialmente come backhaul per il traffico di rete delle small cell 4G o 5G.

Etichette: , , ,

lunedì 25 febbraio 2019

Personal Data annuncia il primo centro di competenza Citrix in Italia

Infinera: scopri la "Infinite Network"